Dall’ossigeno intrappolato nei ghiacci uno sguardo sul passato della Terra

OggiScienza

11227284815_76b7b1d041_z Crediti immagine: NASA Goddard Space Flight Center

AMBIENTE – L’ossigeno dell’atmosfera terrestre sta diminuendo e i ricercatori non hanno ancora capito perché. Ma niente panico: non siamo alle porte di una catastrofe planetaria. Il livello di ossigeno del nostro pianeta si è abbassato dello 0,7% negli ultimi 800 000 anni. Una diminuzione lentissima ma costante che è stata rilevata da un gruppo di ricercatori dell’Università di Princeton durante lo studio della composizione delle bolle d’aria intrappolate in alcuni campioni di ghiaccio prelevati in Groenlandia e in Antartide e che potrebbe essere cruciale per ipotizzare quale sarà il futuro della Terra. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Science.

Al momento i ricercatori stanno avanzando delle ipotesi per spiegare il fenomeno. La prima riguarda l’aumento dell’erosione: un maggior numero di sedimenti esposti all’ossidazione ridurrebbe il livello di ossigeno atmosferico.

Un’altra possibile causa è rappresentata dal cambiamento climatico considerato sul…

View original post 224 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...