Breve storia del cane-guida, indispensabile amico dell’uomo

OggiScienza

Le tracce dei primi cani guida sono attribuibili al Paleolitico e se ne ritrova testimonianza anche in un affresco proveniente da una villa romana di Pompei, custodito nel Museo Nazionale di Napoli. Crediti immagine: Wikimedia Commons

SENZA BARRIERE – Il cane, si sa, è il migliore amico dell’essere umano. Ma per alcuni è anche di più. Chi è non vedente si avvale da secoli del supporto di un compagno a quattro zampe, capace di guidare il padrone per strada, di avvertire eventuali pericoli e, in alcuni, casi di proteggere chi accompagna.

Le prime testimonianze della presenza di un cane al fianco dell’uomo risalirebbero al Neolitico, quando i nostri antenati iniziarono a dedicarsi all’agricoltura e a formare insediamenti permanenti. Le tracce dei primi cani guida, tuttavia, secondo quanto riportato da  N. Coon, nella sua Breve storia del cane guida per ciechi sono attribuibili al Paleolitico e se ne ritrova testimonianza…

View original post 450 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...