Riscaldamento globale, il massimo termico del Paleocene-Eocene colpa della cometa

OggiScienza

Escluse attività vulcanica e altre cause, il prossimo passo è andare a caccia del cratere generato dall’impatto, che 56 milioni di anni fa cambiò il clima terrestre. Provocando la più grande estinzione di massa dopo quella del Cretaceo-Paleocene. Crediti immagine: Nasa/Don Davis

SCOPERTE – Circa 56 milioni di anni fa il globo terrestre andò incontro ad un rapido aumento delle temperature, un periodo noto come Massimo Termico del Paleocene-Eocene (PETM). In appena 20mila anni, infatti, ci fu un riscaldamento globale di 6 gradi Celsius che causò l’estinzione di alcuni organismi e la diminuzione delle dimensioni dei mammiferi, favorendone così anche l’evoluzione.

Nei reperti fossili e geologici gli scienziati hanno individuato una grande quantità di carbonio impoverito dell’isotopo 13C che entrò in circolo nell’idrosfera e nell’atmosfera terrestre, ma cosa lo ha causato? Fino a oggi le ipotesi al vaglio degli scienziati per spiegare questo improvviso riscaldamento globale erano diverse. Tra i “colpevoli” figurava…

View original post 431 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...