In viaggio verso Marte: difficoltà, scaramanzia e noccioline

OggiScienza

Foto di un tramonto marziano scattata da Viking 1 il 21 agosto 1976. Crediti immagine: NASA/JPL

APPROFONDIMENTI – I riti scaramantici non sono un’esclusiva italiana. È dal 1964 che alla NASA viene scongiurato il fallimento di una missione rievocando la tradizione delle noccioline di buona fortuna. La tensione degli operatori del Centro di Controllo della NASA doveva essere altissima durante il 31 luglio 1964: il Programma Ranger per il raggiungimento della Luna con una sonda aveva deluso le aspettative per sei volte consecutive. Era il turno della sonda Ranger 7 e i tecnici, mentre seguivano le fasi salienti della missione, iniziarono a sgranocchiare avidamente delle noccioline.

Fu un successo. Ranger 7 diventò la prima sonda spaziale americana a trasmettere immagini ravvicinate della superficie della Luna e trasformò le noccioline in una tradizione che viene tutt’oggi rispettata in occasione delle missioni più impegnative. È stato il caso di Curiosity, il…

View original post 692 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...