La straordinaria storia di Grace Murray Hopper, pioniera dell’informatica

OggiScienza

Grace Murray Hopper alla tastiera dell’UNIVAC I, 1960 circa. Crediti immagine: Wikimedia Commons

IPAZIA – Nel 1969 l’Associazione americana dei professionisti dell’informatica conferì il riconoscimento come uomo dell’anno a Grace Murray Hopper. Al di là del trascurabile fatto di essere una donna, Grace Murray Hopper aveva in effetti tutte le carte per ambire al prestigioso riconoscimento. Nata a New York nel 1906 e morta nel 1992, ha attraversato un secolo di grandi rivolgimenti e tumultuose trasformazioni, contribuendo con le sue idee e il suo lavoro all’incredibile progresso scientifico e tecnologico che ha caratterizzato la nostra società a partire dal secondo dopoguerra.

Sin da bambina Grace mostra una naturale propensione per la matematica e una spiccata curiosità scientifica: all’età di sette anni, incuriosita dal funzionamento delle sveglie, ne smonta sette per studiarne le parti interne. I genitori la incoraggiano a coltivare la sua passione per la matematica. La madre…

View original post 821 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...