Come ingannare il ritmo circadiano

OggiScienza

“Non vediamo l’ora di iniziare questi esperimenti: sarà interessante sia per la scienza di base sia da un punto di vista prettamente pratico. I passeggeri dei voli di linea potrebbero beneficiare due volte dall’aumento della pressione interna delle cabine”. Crediti immagine: StelaDi, Pixabay

SCOPERTE – Chiunque di noi ha sperimentato ciò che segue a un lauto pranzo: un piacevole torpore che porta alla sonnolenza, indipendentemente dalle lancette dell’orologio. Sonnolenza che ci colpisce con maggiore facilità nei giorni di calura o, più naturalmente, quando si avvicina l’ora di coricarci. Cibo, temperatura e fotoperiodo scandiscono infatti il nostro ritmo circadiano, l’orologio biologico che ci tiene sincronizzati con la naturale alternanza di notte e dì. Questi stimoli sono accomunati dalla variazione di ossigeno assunto dall’organismo, un dettaglio che ha convinto Gad Asher, ricercatore di cronobiologia al Weizmann Institute of Science di Rehovot, a indagare sull’effettivo coinvolgimento di questo elemento chimico.

Tramite una serie…

View original post 417 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...