Acqua, condivisione e conflitto

OggiScienza

Il bacino dell’Indo copre 1.120.000 chilometri quadrati. Negli ultimi anni si è registrato un forte incremento della domanda di acqua, frutto di una rapida crescita demografica ed economica. Allo stesso tempo sono emersi gravi problemi legati all’inquinamento. Immagine: Wikimedia Commons

ESTERI – A seguito del grave attacco terroristico avvenuto il 18 settembre nella città di Uri nello stato del Kashmir, l’India ha rinunciato alla propria presenza al meeting Indus Water Commission previsto per il 26 dello stesso mese e, al contempo, ha convocato un incontro per modificare o annullare l’Indus Water Treaty, l’accordo sottoscritto nel 1960 da India e Pakistan per lo sfruttamento del bacino idrico del fiume Indo.

“Sangue e acqua non possono scorrere assieme”, ha dichiarato il Primo Ministro indiano Narendra Modi. La replica da parte delle autorità pakistane non si è fatta attendere; secondo i leader della repubblica islamica l’annullamento del trattato da parte dell’India verrebbe…

View original post 575 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...