Cancro al seno: perché non risponde alla chemioterapia?

OggiScienza

Il fenotipo aggressivo e resistente alla chemioterapia dipende dalle cellule mieloidi che presentano un comportamento pro-tumorale. Tuttavia, grazie all’acido zoledronico, le cellule tumorali che non trovano più un supporto nelle cellule mieloidi, possono incorporare il chemioterapico e quindi essere uccise. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – Di tumori al seno ce ne sono di molti tipi, ma quelli più aggressivi – in gergo “di più alto grado” – di qualsiasi categoria essi siano, hanno in comune lo stesso meccanismo che fa sì che il tumore non risponda alla chemioterapia come dovrebbe. Uno studio, pubblicato su Cell Reports da parte di un team dell’Istituto Tumori di Milano, ha individuato nel comportamento delle cellule mieloidi (cellule del sistema immunitario che appartengono alla famiglia dei neutrofili) una possibile concausa della peggiore reazione alla chemioterapia.

Già da tempo all’Istituto dei Tumori era stata dimostrata l’esistenza di un profilo ECM3, ovvero di geni che portano…

View original post 403 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre era in viaggio tra Sirio e Nibiru, ha dovuto nascondere la sua identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vive a Novi Ligure (AL) da quando era bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ha iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente si occupa di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adora leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ha un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprì il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunse l’attività di divulgazione che lo hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...