Batteri spazzini e virus che curano: come le biotecnologie riscrivono la vita

OggiScienza

9788808920836_0_500_0_75LIBRI – È il 1983 e i ricercatori dell’Università di Ghent, in Belgio, hanno appena realizzato la prima pianta transgenica della storia. È una piccola piantina di tabacco, dotata di un gene per la resistenza a un antibiotico. Chi è stato a “fare la magia”? Oltre agli scienziati, il batterio Agrobacterium tumefaciens.

Innocuo per gli animali, A. tumefaciens può infettare un gran numero di specie vegetali (ma non tutte) provocando il loro la comparsa di tumori. Questo suo potenziale è legato a un plasmide, una molecola di DNA a doppia elica presente nelle cellule di gran parte dei batteri. È il  plasmide Ti: quando il batterio aderisce alla cellula di una pianta, una porzione del DNA di Ti (T-DNA) viene trasferita nella cellula e integrata. Le cellule infettate proliferano ed ecco che si sviluppano i tumori. I biotecnologi scoprirono che al posto del T-DNA era possibile inserire…

View original post 742 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.