La chimica nei Girasoli di Van Gogh

OggiScienza

girasoli van gogh chimica gialloUn approfondito studio chimico delle opere d’arte può rivelarsi la chiave per proteggerle dall’azione del tempo. Un ambito di studio che è valso alla ricercatrice Letizia Monico il Premio Levi 2015, assegnato dalla Società Chimica Italiana. Fotografia di Letizia Monico

SPECIALE DICEMBRE – Nei periodi impressionista e post-impressionista i pigmenti a base di cromato di piombo, più comunemente noti con il nome di “gialli di cromo”, erano tra i più usati dagli artisti. Nonché i prediletti del pittore olandese Vincent van Gogh, che ne apprezzava le diverse tonalità, dal giallo-arancio al giallo-brillante, al punto da averli scelti per dipingere molte delle sue opere. In particolare i famosi girasoli (protagonisti di due “serie” di dipinti, la serie di Parigi e la serie di Arles). Ma molti di quei pigmenti stanno cambiando colore e hanno fatto sì che nelle sale museali entrassero professionalità piuttosto nuove per l’ambiente: i chimici.

È proprio quest’ambito di…

View original post 910 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...