Il tempo vola o non passa mai?

OggiScienza

A differenza della vista o dell’udito, la percezione del tempo non può essere fatta risalire a un organo di senso come l’occhio o l’orecchio. I ricercatori hanno ipotizzato che i neuroni che rilasciano dopamina possano anche svolgere un ruolo nel modo in cui percepiamo il tempo. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – In situazioni noiose o sgradevoli, ci sembra che il tempo non passi mai. Ma quando ci divertiamo, ecco che vola via. Tutto ciò è più che una semplice impressione: alla questione che ha appassionato filosofi per secoli si aggiungono nuove risposte dalla neurobiologia.

Pubblicata su Science, una ricerca opera dello Champalimaud Centre for the Unknown di Lisbona ha identificato – seppur nel cervello dei topi – il circuito neuronale che modula la percezione del tempo trascorso. Una regione in cui l’attività di alcuni neuroni può essere manipolata per indurre l’animale a sottostimare o sovrastimare la durata di un intervallo…

View original post 509 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...