Sommelier Vs inesperti: fa più la testa che il naso

OggiScienza

“La cosa che forse sorprende ancor di più è che i nostri dati mostrano che il pregiudizio secondo cui gli esseri umani sono animali con capacità olfattive limitate va ridimensionato: di fatto, siamo in grado di cogliere sottigliezze olfattive”. Crediti immagine: Slack12, Flickr

RICERCA – Una solida esperienza e conoscenza del vino non migliora le prestazioni olfattive quando si tratta di distinguere fra vini diversi, lo dice una nuova ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Food Quality and Preference, che dimostra che inesperti e sommelier hanno prestazioni molto simili quando si devono affidare esclusivamente al proprio naso. “Di fatto, se ci basiamo solo sull’olfatto, siamo, forse sorprendentemente, tutti ugualmente bravi a distinguere la varietà del vitigno o il terroir di provenienza. Ma non disperi chi ha investito tempo, passione e denaro in un corso di degustazione di vini”, rassicura Raffaella Rumiati, professoressa della SISSA e coordinatrice del nuovo studio…

View original post 747 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...