Prosopagnosia e vespe cartonaie: le meraviglie del riconoscimento facciale

OggiScienza

faces-660786_1280 Un ricerca suggerisce che l’area del nostro cervello dedicata al riconoscimento dei volti cresce con il passare degli anni. Crediti immagine: Public Domain

Il fatto che ci fossero altri come me divenne chiaro in molteplici modi. L’incontro tra due persone che soffrono di prosopagnosia, in particolare, può essere davvero complicato. Qualche anno fa ho scritto a uno dei miei colleghi per dirgli che avevo molto apprezzato il suo nuovo libro. Il suo assistente chiamò Kate per  organizzare una cena e si accordarono per il weekend, in un ristorante nel mio quartiere. “Potrebbe esserci un problema”, disse Kate. “Il Dr. Sacks non è in grado di riconoscere nessuno”. “È lo stesso per il Dr. W.”, rispose il suo assistente”. “Un’altra cosa”, aggiunse Kate. “Il Dr. Sacks non è in grado di trovare i ristoranti o altri posti; si perde molto facilmente, alle volte non trova neanche casa sua”. “È lo stesso…

View original post 1.373 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...