Ipossia: scende l’ossigeno, sale il prezzo dei gamberi

OggiScienza

1024px-grand_isle_-_shrimp_stew Nel Golfo del Messico il basso livello di ossigeno nell’acqua rallenta la crescita di pesci e crostacei. Crediti immagine: thepipe26, Wikimedia Commons

AMBIENTE – Le zone ipossiche sono più famose come “zone morte”, un soprannome che si sono guadagnate perché al crollare dei livelli di ossigeno gran parte della vita marina muore o, nel caso dei pesci, se ne va. In alcune aree costiere, come nel Golfo del Messico (tra i più grandi golfi del mondo e teatro del disastro Deepwater Horizon), l’ipossia non ha causato la scomparsa di tutte le forme di vita, ma la scarsità di ossigeno rallenta significativamente la crescita dei pesci e dei crostacei.

Oltre agli ovvi sconvolgimenti ambientali, la conseguenza è stata un aumento del prezzo dei gamberi di dimensioni più grandi in confronto a quelli più piccoli. Gli scienziati hanno pubblicato i risultati sulla rivista The Proceedings of the National Academy of Sciences

View original post 569 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.