Computer (e pirati) quantistici

OggiScienza

I sistemi di calcolo convenzionali elaborano le informazioni basandosi su due livelli logici (alto e basso, o ‘1’ e ‘0’) mentre un computer quantistico può sfruttare un principio noto come sovrapposizione. Crediti immagine: Torkild Retvedt, Flickr

TECNOLOGIA – Il computer quantistico sembra ormai prossimo a diventare una realtà (ne abbiamo parlato qui), ma di che cosa si tratta esattamente? E in che cosa differisce da un computer tradizionale? Lo IAS, ovvero lo Institute of Advanced Studies di Princeton che ha annoverato tra i suoi docenti nientemeno che Albert Einstein, ha sviscerato la questione in tutti i suoi aspetti più rilevanti.

Il primo a pensare a un computer quantistico è stato il grande fisico Richard Feynman, partendo da una domanda molto semplice: è possibile simulare, o riprodurre, la realtà fisica mediante un calcolatore? Naturalmente, non esiste una risposta unica a una domanda così complessa: la capacità di un…

View original post 782 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.