Ghiacciai alpini, sempre più in alto per monitorare il global warming

OggiScienza

Per il ghiacciaio del Careser esiste la più lunga serie di misura di bilancio di massa per le Alpi italiane. Purtroppo questo ghiacciaio si trova a una quota piuttosto bassa ed è particolarmente sensibile alle variazioni climatiche. Crediti immagine: Wikimedia Commons

SPECIALE FEBBRAIO – Solo negli ultimi 50 anni la superficie glaciale del territorio italiano si è ridotta di circa il 35%, stando ai dati forniti dal Catasto dei Ghiacciai Italiani aggiornato al 2015 e realizzato dai glaciologi dell’Università di Milano.  Secondo il rapporto, in generale, tutti i ghiacciai, indipendentemente dalla dimensione e posizione geografica, si sono rimpiccioliti considerevolmente e circa 200 su più di un migliaio censiti sono scomparsi del tutto. In particolare, nell’ultimo quarto di secolo i ghiacciai alpini hanno perso una massa equivalente a 2000 miliardi di litri di acqua, bilancio su cui pesano maggiormente le ferite del Ghiacciaio Aletsch, il ghiacciaio del Lys e del Monte…

View original post 1.235 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...