La guerra alla droga ha fallito: BMJ (e l’ONU) chiedono politiche più tolleranti

OggiScienza

La battaglia agli stupefacenti, la cosiddetta war on drugs, è stata avviata da Nixon quarant’anni fa. Quali i risultati? Crediti immagine: Ollie Atkins, Wikimedia Commons

APPROFONDIMENTO – L’espressionewar on drugsè stata resa popolare dal presidente degli stati Uniti Richard Nixon, che durante il suo mandato l’ha perseguita con grande impegno (anche se mai quanto in seguito Ronald Reagan). La vera responsabilità dell’impostazione proibizionista adottata dalla gran parte dei governi mondiali la si deve però all’ONU, che in più di 50 anni ha mantenuto in questo ambito un atteggiamento più ideologico che pragmatico. A quanto pare, però, è giunto il momento di cambiare, come denuncia fra gli altri anche il British Medical Journal, in una serie di articoli dedicati alle politiche pubbliche sugli stupefacenti.

La rivista, una dei più autorevoli journal scientifici in ambito medico al mondo, ha preso pubblicamente una posizione molto chiara:…

View original post 1.006 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico, lavoro nella sicurezza in una industria chimica, e per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...