L’impronta umana del turismo montano (sopra e sotto la superficie)

OggiScienza

15185222338_1b954465c3_h La crescente presenza di turisti negli ambienti alpini rischia di creare un grave disturbo per la fauna locale. Crediti immagine: simonsimages, Flickr

SPECIALE FEBBRAIO – Le Alpi sono una delle più vaste aree naturali del mondo a fini turistici. Vengono visitate da circa 120 milioni di persone ogni anno; il flusso turistico della regione è in continuo aumento per la diffusione di una serie di nuove attività sportive che possono essere praticate solo in questo tipo di ambiente, come l’escursionismo, il free ride, l’arrampicata sportiva, l’alpinismo e l’eliski.

L’impatto del flusso turistico sulla fauna alpina

L’ondata turistica rappresenta la principale fonte di introiti per le popolazioni che abitano questi luoghi, ma porta con sé una serie di conseguenze sull’ambiente montano. Gli animali non solo perdono gran parte del proprio habitat a causa della costruzione di piste da sci, insediamenti e vie di comunicazione, ma devono evitare  con…

View original post 890 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...