Il diritto di contare: la storia dietro il film

OggiScienza

IPAZIA – 12 aprile 1961: il cosmonauta russo Jurij Gagarin, all’interno della navicella Vostok 1, è il primo uomo a volare nello spazio. Pochi mesi dopo, il 20 febbraio 1962, l’astronauta americano John Glenn compie un’impresa analoga a bordo della capsula Friendship 7, riuscendo a completare tre delle sette orbite previste attorno alla Terra prima di ammarare sano e salvo al largo delle Bahamas. Sono anni strani e contraddittori, grandi slanci verso il futuro convivono con ideologie e antichi razzismi. La corsa allo spazio subisce un’improvvisa accelerazione a causa dell’inasprirsi della guerra fredda fra Stati Uniti e Unione Sovietica. In Virginia, dove si trova il Langley Research Center, uno dei più importanti centri operativi della NASA, vige ancora la segregazione razziale. Essere afroamericani non è semplice, essere donne afroamericane è ancora più difficile, essere donne afroamericane e avere un ruolo all’interno della NASA sembra impossibile. Sembra

View original post 1.100 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...