I frattali nascosti nelle macchie di Rorschach

OggiScienza

La prima immagine del test ideato da Hermann Rorschach. Crediti immagine: Public Domain

SCOPERTE – “È una scena di danza”, “È un insetto pieno di sangue, sezionato”: sono state queste le risposte date da due degli imputati al processo di Norimberga, gli ex ufficiali nazisti Hermann Goring e Rudolph Hesse accusati di crimini contro l’umanità, quando sottoposti a un test psicologico visivo previsto prima di essere giudicati. Si trattava delle celebri macchie di Rorschach, il test proiettivo ideato dallo psichiatra svizzero Hermann Rorschach come strumento per interpretare i caratteri distintivi della psiche umana.

Le macchie furono introdotte per la prima volta nel 1921 con un primo set di 10 differenti immagini, realizzate versando dell’inchiostro in fogli di carta opportunamente piegati. Il loro utilizzo è noto e reso popolare anche dal grande schermo: l’immagine prodotta con questo sistema, per quanto casuale e priva di una forma e un significato precisi…

View original post 779 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.