Sabbia e clima: piccoli granelli ma grandi effetti

OggiScienza

Crediti immagine: Ian Armstrong, Flickr

RICERCANDO ALL’ESTERO – Le polveri provenienti dai deserti non hanno solo un impatto a livello locale sulla società, sui trasporti, sulla salute pubblica, sull’ambiente. La loro influenza sul clima è notevole, soprattutto quando grandi nubi di sabbia si disperdono nell’atmosfera e restano sospese per giorni o settimane.

Quando si parla di polveri del deserto, a cosa ci si riferisce?
Si tratta di particelle di origine inorganica emesse, per azione del vento, da zone aride e con scarsa vegetazione che rimangono sospese nell’atmosfera. Hanno dimensioni molto piccole, intorno al micrometro, e per questo motivo possono rientrare nel particolato fine, come il PM10.

Quasi quotidianamente, in qualche punto della Terra, ci sono zone investite da queste nuvole di polvere. In aree urbane, come Milano e Parigi, la loro presenza è di secondaria importanza rispetto alle emissioni antropiche; al contrario, il loro impatto è rilevante in città…

View original post 952 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...