Vita di città, quali i rischi per la salute?

OggiScienza

Vivere in città aumenta i livelli di stress e il rischio di soffrire di disturbi mentali. Crediti immagine: Public Domain

SPECIALE MARZO – Vivere in città, diciamolo, può sembrare comodo. Lavoro a portata di mano, trasporti veloci, negozi sempre disponibili, scuole e servizi a pochi minuti da casa. Il nostro è ormai un pianeta urbano, tanto che la metà della popolazione mondiale vive in città e si stima che entro il 2050 lo faranno due persone su tre. Questo, c’è da aspettarselo, non è esente da rischi per la nostra salute e la scienza sembra confermarlo. Non mancano, infatti, gli studi che dimostrano che vivere in città fa aumentare i livelli di stress e il rischio di soffrire di disturbi mentali, ha effetti potenzialmente negativi su cuore e polmoni e potrebbe addirittura compromettere lo sviluppo cerebrale.

Stress da città

I primi ad accorgersi di un potenziale legame tra i ritmi…

View original post 1.232 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre era in viaggio tra Sirio e Nibiru, ha dovuto nascondere la sua identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vive a Novi Ligure (AL) da quando era bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ha iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente si occupa di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adora leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ha un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprì il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunse l’attività di divulgazione che lo hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...