Le frontiere che mettono a rischio la conservazione degli animali

OggiScienza

La lince eurasiatica è una delle specie a rischio che potrebbe scomparire a causa delle barriere costruite tra Croazia e Slovenia. Crediti immagine: Bernard Landgraf, Wikimedia Commons

APPROFONDIMENTO – Per contenere l’arrivo dei rifugiati in Europa, molti Paesi hanno disposto la costruzione di recinzioni lungo i propri confini invertendo, di fatto, una percorso di apertura delle frontiere che era in corso da decenni. Provvedimenti di questo genere comportano conseguenze in ambiti che di rado vengono considerati d’importanza primaria. Le nuove barriere rappresentano, infatti, un enorme pericolo per la fauna locale: limitano lo spostamento, non permettono più l’accesso a importanti risorse stagionali, riducono il numero di esemplari.

Un appello al cambiamento è stato lanciato da un gruppo internazionale di ricercatori che ha pubblicato sulla rivista PLOS Biology uno studio sugli effetti che queste recinzioni hanno sulle popolazioni di animali. I ricercatori hanno preso in esame situazioni molto distanti tra loro…

View original post 610 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...