Emergenza zecche in Friuli Venezia Giulia

OggiScienza

Più del 20% delle zecche presenti sul territorio italiano è portatore del batterio che causa la malattia di Lyme. Crediti immagine: Public Domain

SALUTE – La primavera porta con sé le prime giornate calde, occasioni perfette per merende sull’erba e passeggiate nei boschi. Da molto tempo, però, le gite fuori porta primaverili sono accompagnate dal timore delle conseguenze del morso di una zecca. Vista la diffusione delle zecche negli ultimi anni e la rilevanza del problema in termini di salute pubblica, il Museo Friulano di Storia Naturale di Udine ha organizzato lo scorso martedì 11 aprile un incontro dedicato alla conoscenza di questi piccoli e insidiosi animali assieme a due esperti del settore: Simone Del Fabbro, ricercatore dell’Università degli Studi di Udine e il dottor Maurizio Ruscio, dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Trieste.

La zecca più diffusa in Friuli Venezia Giulia è la Ixodes ricinus, detta comunemente “zecca dei boschi”…

View original post 786 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre era in viaggio tra Sirio e Nibiru, ha dovuto nascondere la sua identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vive a Novi Ligure (AL) da quando era bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ha iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente si occupa di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adora leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ha un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprì il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunse l’attività di divulgazione che lo hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...