Il sangue del cordone ombelicale per rallentare l’invecchiamento del cervello

OggiScienza

Una proteina presente nel sangue del cordone ombelicale ha un effetto positive sulle funzioni dell’ippocampo nei topi anziani. Crediti immagine: audrey_sel, Flickr

SCOPERTE – Secondo uno studio della Stanford University School of Medicine pubblicato su Nature, una proteina di cui è ricco il cordone ombelicale umano potrebbe rappresentare una nuova possibilità terapeutica per le malattie neurodegenerative, in particolare per l’Alzheimer.

I ricercatori californiani autori dello studio avevano già rilevato in un articolo del 2015 su JAMA i benefici sulla memoria e sull’apprendimento di topi anziani in cui era stato iniettato plasma ricavato da topi giovani. In questa nuova indagine hanno dimostrato come il plasma umano, in particolare quello del cordone ombelicale, possa aiutare a migliorare le funzioni dell’ippocampo nei topi anziani, rendendo verosimile l’ipotesi che il medesimo effetto si possa riscontrare negli esseri umani.

Analizzando le proteine presenti sia nel cordone ombelicale sia nel plasma di esseri…

View original post 358 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...