Classificare i colori, un gioco da bambini

Che colore è il ‘petrolio’? E il ‘pesca’???

OggiScienza

A pochi mesi i bambini sanno già distinguere i colori in diverse categorie. Crediti immagine: Public Domain

SCOPERTE – Se avete mai speso più di mezz’ora a discutere se quella maglia fosse color melanzana, prugna o bordeaux, sarete probabilmente d’accordo con l’idea che il modo in cui classifichiamo i colori è tutt’altro che assoluto. Eppure su alcune più ampie categorie sembra esserci un certo accordo, persino tra chi è meno sensibile alle sfumature: anche se lo spettro del visibile è continuo, normalmente le persone distinguono con termini diversi alcuni colori di base, come il rosso, il verde e il blu. L’origine di questa categorizzazione è stata a lungo dibattuta dagli scienziati: si tratta di un limite biologico o di un’influenza linguistica e culturale?

Una ricerca, pubblicata sulla rivista PNAS, suggerisce che la distinzione tra alcuni colori abbia almeno in parte una radice biologica, e non dipenda quindi interamente dalla…

View original post 316 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...