STEM in Europa, a che punto siamo?

OggiScienza

In ritardo rispetto agli Usa e alla crescita dell’industria Hi-tech, anche l’Europa ha iniziato a smuovere un po’ le acque per adeguare i percorsi scolastici. Crediti immagine: Steven Brewer, Flickr

APPROFONDIMENTO – Alla March for Science dello scorso 22 aprile a Washington, la comunità scientifica americana era ben rappresentata in tutte le sue componenti, dalla biomedicina alle scienze del clima. Nel corteo si potevano leggere cartelli di protesta e slogan a difesa della ricerca scientifica e l’educazione dedicata alle scienze. La falce dei tagli della nuova presidenza Trump, infatti, ha messo a rischio non solo i laboratori ma anche i programmi scolastici ed extrascolastici dove la scienza si impara e dove gli studenti iniziano a comprenderne il valore sociale, dopo essersi appassionati alle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics).

Tra i marchers di Washington, era presente David Evans, direttore esecutivo della National Science Teacher Association, alla testa di più…

View original post 787 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...