Umbria: a piedi o in bici per riscoprire il territorio dopo il sisma

OggiScienza

Crescita sociale, economica e tutela del territorio passano dal turismo sostenibile. Fotografia di Emanuele Caposciutti, Rocca Albornoziana, Spoleto

ATTUALITÀ – Mobilità dolce, risorse ambientali, eventi a misura di territorio: sono queste le parole chiave del turismo sostenibile, il motore delle regioni e dei paesi che nel loro patrimonio naturalistico e paesaggistico hanno la ricchezza più grande. Se ne è parlato a Spoleto il 12 maggio al convegno “Ambiente e mobilità dolce motori per l’Umbria”; sullo sfondo la situazione post-sisma, con un terremoto che dovremmo iniziare a percepire non come evento catastrofico, ma come fenomeno naturale. Con il quale convivere in sicurezza grazie a interventi appropriati, proprio come si fa in molte altre aree del pianeta.

Ma cosa si intende per mobilità dolce? Preferire la bicicletta o i piedi all’automobile e ai vari mezzi di trasporto, per essere più environmental-friendly e scoprire quelle aree del territorio che sulle quattro ruote difficilmente…

View original post 921 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...