Vista da batterio

OggiScienza

Le applicazioni principali delle retine artificiali sono nel trattamento di patologie degenerative dell’occhio, come ad esempio la retinite pigmentosa. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – Gli appassionati di Star Trek – The Next Generation conosceranno di sicuro Geordi La Forge, ingegnere capo della nave stellare Enterprise, che, cieco fin dalla nascita, ha riacquistato la capacità di vedere utilizzando un’avanzata protesi visiva chiamata VISOR. Fantascienza? Non per molto ancora. Una ricercatrice appena ventiquattrenne del dipartimento di Chimica dell’Università di Oxford, Vanessa Restrepo-Schild, ha per la prima volta sviluppato in laboratorio una retina artificiale, costituita da tessuti biologici e materiali sintetici quali idrogel e proteine di membrane cellulari biologiche.

La finalità principale dello studio, pubblicato su Nature, è sviluppare componenti compatibili con l’apparato oculare umano, in modo che siano ben tollerati una volta impiantati. Molto meglio di  quanto lo siano la maggior parte delle retine artificiali finora sviluppate, costituite da…

View original post 632 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.