I sistemi biologici nelle simulazioni coarse grained multi-scala

OggiScienza

Simulazione di una proteina (al centro) in cui il solvente, l’acqua, è trattato con il metodo multi-scala “adaptive resolution”. Nelle vicinanze della proteina le molecole d’acqua sono descritte con tre atomi mentre più lontano come sfere senza gradi di libertà interni. Fra queste due regioni c’è una zona ibrida in cui la risoluzione delle molecole cambia in modo continuo da un modello all’altro.

RICERCANDO ALL’ESTERO – Da diversi anni l’uso dei modelli matematici è entrato a far parte a tutti gli effetti dello studio dei sistemi biologici complessi, portando a un risparmio di tempo e risorse computazionali. Tuttavia, la simulazione di sistemi come quelli di materia soffice spesso comprende parametri difficili da conciliare, come le grandi dimensioni e il numero di dettagli fisici e chimici necessari per descrivere in modo sufficientemente preciso un certo fenomeno.

Per risolvere questi problemi sono stati sviluppati approcci multi-scala, in grado di studiare…

View original post 1.072 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...