A Trieste si promuove un modello condiviso per studiare gli oceani

OggiScienza

Il progetto Argo, a cui partecipa l’OGS di Trieste, ha previsto l’utilizzo di 4000 boe robotizzate, che raccolgono e trasmettono informazioni sulla temperatura e la salinità dei mari. Crediti immagine: OGS

ATTUALITÀ – “Conoscere maggiormente i nostri mari è il prerequisito fondamentale per la crescita dell’economia blu e per aumentare del 20% i blue jobs, obiettivo fortemente voluto dall’Unione Europea”, chiarisce Alessandro Crise, dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) di Trieste. Dal 30 maggio al 1 giugno a Trieste si fa il punto sullo stato di salute dei mari, in preparazione del G7 Scienza: summit che si svolgerà a Torino il 28 e 29 settembre.

Il meeting triestino – questo il titolo “Progettazione condivisa di un sistema efficiente e sostenibile per l’osservazione dei mari costieri nei paesi in via di sviluppo” – riunisce 15 esperti provenienti dai Paesi del G7 e da Paesi emergenti. I…

View original post 689 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...