Leucemia linfatica cronica: una possibile chiave per dominarla

OggiScienza

Uno studio italiano ha identificato un meccanismo coinvolto nello sviluppo della leucemia linfatica cronica. Crediti immagine: Mary Ann Thompson, Wikimedia Commons

SALUTE – Quello che sappiamo da qualche decennio sulla leucemia linfatica cronica – la forma leucemica più frequente fra la popolazione adulta e anziana, con una mediana di 72 anni alla diagnosi – è che essa si origina quando i linfociti B, fra le cellule che compongono il nostro sistema immunitario, iniziano a duplicarsi in modo incontrollato. Finora però gli scienziati non avevano compreso le cause di questa proliferazione.

Uno studio pubblicato in questi giorni su Nature Communications da un gruppo di ricercatori del San Raffaele di Milano grazie al contributo di AIRC per la prima volta mette in luce un aspetto fondamentale per capire e combattere questa forma leucemica: la malattia si sviluppa perché i recettori posti sulla superficie dei linfociti B iniziano a non riconoscere…

View original post 633 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...