La foresta pluviale, un bioma che rischia di scomparire a causa del cambiamento climatico

Tra deforestazione e riscaldamento, la vedo brutta…

OggiScienza

Le foreste che hanno una maggiore varietà di specie vegetali sono meno vulnerabili alla distruzione. Crediti immagine: Neil Palmer (CIAT)

SPECIALE GIUGNO – Le foreste pluviali costituiscono il più importante condizionatore d’aria del mondo, capace di trasformare metà dell’energia solare totale che le raggiunge in un’enorme evaporazione di acqua attraverso le foglie e altre superfici, che nella sola Amazzonia è pari a 8000 miliardi di tonnellate di vapore acqueo. La riduzione progressiva delle precipitazioni e l’impatto antropico stanno esponendo la foresta pluviale a quello che viene definito come rischio di progressiva seccagione, dove la perdita di foreste aumenta in conseguenza di ridotte precipitazioni e attività umane.

Poter prevedere quali regioni siano più suscettibili a questa perdita è essenziale per prevenire la scomparsa di ulteriore patrimonio forestale: due recenti progetti europei, Robin (Role Of Biodiversity In climate change mitigatioN) e Amazalert, hanno indagato l’importante ruolo della biodiversità per…

View original post 549 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.