Tra stelle e montagne in Valle D’Aosta

OggiScienza

Nel Parco Nazionale Gran Paradiso si possono avvistare stambecchi, camosci, marmotte, aquile reali e, da poco, anche esemplari di gipeto e lince. Crediti immagine: Pixabay

COSTUME E SOCIETÀ – In Valle D’Aosta è molto facile passare delle vacanze all’insegna dell’approfondimento scientifico: parchi e riserve naturali, orti botanici, un osservatorio astronomico e un calendario di eventi che anima la stagione estiva con attività per tutte le età.

Il Parco Nazionale Gran Paradiso, un territorio di circa 70.000 ettari tra Valle D’Aosta e Piemonte, è forse il più conosciuto e rappresenta un luogo unico per l’osservazione di specie animali nel loro habitat naturale. Molto frequenti sono infatti gli avvistamenti di stambecchi (simbolo del parco), camosci, marmotte, aquile reali e, di recente, anche esemplari di gipeto e lince. Nel lato valdostano del Parco sono presenti tre centri visitatori (Cogne, Valsavarenche e Rhêmes-Notre-Dame) dove si possono approfondire i diversi aspetti naturalistici dell’area e…

View original post 446 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico, lavoro nella sicurezza in una industria chimica, e per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...