Pesca e oceani, frenare l’overfishing con i Big Data

OggiScienza

Le enormi pressioni del mercato hanno già di fatto portato a uno stato di emergenza, rendendo la pesca improduttiva e non redditizia, e a farne le spese sono oggi soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Crediti immagine: pixabay

SPECIALE LUGLIO – La salute degli oceani è minacciata dall’overfishing, e bisogna intervenire in fretta, entro il 2030. Questo dato allarmante è emerso con chiarezza tra gli esiti dalla Conferenza sugli Oceani delle Nazioni Unite tenutasi lo scorso giugno a New York.
Il limite di tempo massimo indicato in quella occasione è lo stesso degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile ma trova una corrispondenza con quanto segnalato dalle previsioni, basate sull’andamento statistico negli ultimi anni della sovrapesca, su quello che potrà succedere agli ecosistemi marini se non si riduce in tempi brevi quell’eccesso di pescato che frena il naturale ripopolamento dei pesci.
Questo gap tra…

View original post 1.173 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.