Le api e i colori

OggiScienza

SCOPERTE – Le continue variazioni del tono e dell’intensità della luce richiedono meccanismi visivi complessi che permettono di distinguere le sfumature di colore degli oggetti. Le api, che per sopravvivere devono riconoscere i colori dei diversi tipi di fiori, hanno elaborato un sistema integrato, descritto in un articolo pubblicato di recente sulla rivista PNAS.

Questi insetti possiedono, oltre agli occhi “principali”, anche occhi primitivi, detti ocelli, che si trovano alla sommità della testa e che sono rivolti direttamente verso il cielo. Jair Garcia – insieme al gruppo di ricercatori delle università australiane RMIT University, Monash University, University of Melbourne e Deakin University – ha scoperto che gli ocelli contengono due recettori per il colore, in grado di rilevare la tonalità della luce ambientale. Per percepire la colorazione dei fiori e degli altri oggetti presenti nell’ambiente, le api utilizzano invece i due occhi “principali”. Garcia ha spiegato…

View original post 359 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...