Acidificazione degli oceani e rischio biodiversità: la relazione tra specie va tutelata

OggiScienza

I ricercatori australiani hanno esaminato il comportamento e l’adattamento della fauna ittica in presenza di naturali, elevati e prolungati livelli di anidride carbonica nell’isola di Whakaari. Crediti immagine: James Shook, Wikimedia Commons

SPECIALE AGOSTO – “Quanti pesci ci sono nel mare?” si domandavano i due pescatori di Livorno nella famosa filastrocca di Gianni Rodari. Anche uno studio dell’University of Adelaide apparso su Current Biology ha cercato di rispondere al difficile quesito. Siamo ben lontani da Livorno, a Whakaari, nome in lingua maori per White Island, e i ricercatori hanno impiegato il doppio del tempo rispetto ai due pescatori di Rodari. Questa piccola isola a nord della Nuova Zelanda è nota a noi occidentali fin dal 1769, anno della sua scoperta da parte del grande esploratore inglese James Cook, che per primo ne osservò l’incessante attività vulcanica.

Una condizione apparsa sicuramente singolare ai ricercatori australiani, che hanno esaminato…

View original post 407 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...