Body shaming post parto: le gravidanze poco realistiche sui media

OggiScienza

Le fotografie post-parto delle donne famose che vengono presentate sui media rappresentano spesso corpi tonici, magri e senza smagliature: immagini che possono avere influenze negative sul benessere di chi ha appena partorito. Crediti immagini: Public Domain

COSTUME E SOCIETÀ – “Possiamo per favore smetterla di parlare del corpo di Beyoncé dopo la nascita dei gemelli?”, chiede un articolo su Glamour, dopo che una foto pubblicata su Instagram dalla cantante la ritrae in forma a due mesi dal parto. Ci sono i commenti positivi ma anche gli sgradevoli appunti rivolti alle donne in materia di gravidanza: “Wow! Quel corpo dopo due gemelli??? Ragazze, dovete iniziare a darvi da fare!!!”. Body shaming post parto.

Quello di Beyoncé è solo l’ultimo caso famoso ma del corpo delle madri post-parto (oltre ad altri aspetti che non riguardano nessuno al di fuori della madre stessa) si parla ogni volta che la gravidanza di…

View original post 766 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.