Bahamas: dai maiali nuotatori una lezione su turismo e fauna selvatica

OggiScienza

Oggi a Pig Beach vivono tra i 10 e i 15 maiali. Crediti immagine: cdorobek, Wikimedia Commons, CC BY 2.0

SPECIALE AGOSTO – Sull’isola corallina di Big Major Cay alle Bahamas, più famosa tra i locali e non come Pig Beach, vive da 30 anni una delle “attrazioni turistiche” più particolari e romanzate delle isole tropicali. Una colonia di maiali che oggi conta tra i 10 e i 15 suini facili da osservare mentre nuotano nelle acque che circondano l’isola, abitata anche da una manciata di gatti e capre. Ogni giorno da Nassau, la capitale delle Bahamas, partono innumerevoli escursioni che portano fiumi di turisti a fotografare i maiali e a nuotare insieme a loro.

Intorno alla presenza di questi suini si è detto di tutto: c’è chi vuole siano stati portati alle Bahamas da alcuni marinai con l’intento di mangiarli in un secondo momento, che non è mai…

View original post 944 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.