Filtrare l’acqua salata con i nanotubi

OggiScienza

Un sistema di filtraggio dotato di nanotubi di carbonio sembra essere in grado di eliminare gli ioni di sale dall’acqua del mare. Crediti immagine: Ryan Chen/LLNL

AMBIENTE – L’acqua: una risorsa preziosa, indispensabile per la vita sulla Terra. E distribuita in modo non equo, almeno secondo quanto emerge dal rapporto per il 2017 di World Health Organization e UNESCO, in base al quale nel mondo per almeno 3 persone su 10 (per un totale stimato in più di due miliardi di individui) non esiste un accesso agevole e sicuro all’acqua potabile nelle loro abitazioni. L’acqua potabile e disponibile per utilizzi igienici scarseggia per circa quattro miliardi di persone: insomma, una vera e propria emergenza globale.

In questo preoccupante scenario la ricerca sui materiali innovativi può giocare un ruolo davvero importante, come testimoniato dalle recenti scoperte di un gruppo di ricerca del Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL) del Dipartimento dell’Energia…

View original post 536 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.