Potenziare le funzioni cognitive: tra mito e realtà

OggiScienza

Il tema del neuroenhancement, ossia del potenziamento cognitivo, è un filone di indagine che abbraccia diversi campi delle neuroscienze, spaziando dalla farmacologia alle neuroscienze cognitive, e che interessa decine di gruppi di ricerca in tutto il mondo. Crediti immagine: Pixabay

APPROFONDIMENTO – Nel corso del ventesimo secolo si è diffusa -qualcuno dice per colpa di un’errata interpretazione degli scritti di un neurochirurgo, qualcun altro invece ne attribuisce la paternità nientemeno che ad Albert Einstein – una credenza secondo la quale gli esseri umani utilizzano solo il 10% del proprio cervello. Teoria bellissima, affascinante (“allora abbiamo a disposizione ancora tantissime riserve cognitive”), ma del tutto errata e ripetutamente confutata da analisi strutturali e funzionali del nostro sistema nervoso centrale. Naturalmente, infatti, non ci sono aree inutilizzate del nostro cervello, quanto piuttosto aree primarie (quelle, quindi, la cui funzione è di più facile interpretazione: la motoria, la visiva, l’uditiva…) e aree associative…

View original post 835 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.