Come creare sensori autoassemblanti e funzionanti da un batterio

OggiScienza

La struttura tridimensionale prodotta dai batteri può essere utilizzata come sensore di pressione, grazie alle proprietà delle nanoparticelle d’oro. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – In uno studio pubblicato su Nature Biotechnology, un team della Duke University ha descritto la struttura tridimensionale creata da una colonia batterica lasciata crescere spontaneamente in condizioni controllate artificialmente. Tramite una catena di sintesi biochimiche, indotta da un circuito genetico inserito artificialmente, il genoma dei procarioti ha codificato per una proteina in grado di legarsi a molecole inorganiche da usare come mattoncini fondamentali per la sintesi di strutture in tre dimensioni.

Si tratta del primo esempio documentato in cui una colonia batterica è in grado di creare in modo spontaneo una struttura in tre dimensioni, giacché in precedenza sono stati ottenuti solo materiali bidimensionali, e le uniche forme tridimensionali derivavano da un controllo artificiale dello sviluppo dei batteri.
Per indurre la creazione del reticolo…

View original post 370 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.