Cosa sappiamo delle praterie

OggiScienza

SPECIALE OTTOBRE – I veld sudafricani, la puszta ungherese, le pampas argentine, le steppe russe: le praterie sono vaste pianure erbose diffuse nei climi temperati di tutto il pianeta. Impossibile dare una definizione univoca, anche a causa dell’origine storica di questo bioma. Diverse evidenze suggeriscono, per esempio, come alcune delle praterie degli Stati Uniti siano state create dalle tribù dei nativi attraverso gli incendi, e quindi non abbiano un’origine naturale.

Secondo la classificazione del WWF, il bioma delle praterie, savane e macchie temperate è caratterizzato da una vegetazione fatta di erbe o di arbusti. Il clima è temperato, con estati calde e inverni freddi. Le piogge sono moderate e il livello di precipitazioni annuali influenza l’altezza della vegetazione: in base alla quantità di pioggia si parla di praterie basse o di praterie alte. Nei climi semi-aridi si formano le praterie basse, o steppe. Questo bioma è tipico delle regioni…

View original post 652 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.