A caccia di “serre umide” per trovare pianeti abitabili

OggiScienza

Crediti immagine: Anthony Del Genio/GISS/NASA

SCOPERTE – Immaginate un pianeta interamente ricoperto da oceani allo stato liquido e abbastanza vicino alla sua stella da poter sviluppare un involucro di vapore acqueo che non fugga nello spazio interstellare. Una sorta di “serra umida” in cui la presenza di acqua rappresenta un ottimo criterio per andare a caccia di vita sul quel pianeta. Il nuovo modello tridimensionale elaborato dai ricercatori della NASA riscrive così i criteri di abitabilità e amplia la ricerca anche a quegli esopianeti che orbitano intorno a stelle fredde e di bassa massa che fino ad oggi erano stati esclusi dalla lista dei candidati più promettenti per ospitare la vita.

Lo studio è stato condotto da Yuka Fujii, ricercatrice del Goddard Instituto for Space Studies della NASA di New York e dell’Earth-Life Science Institute del Tokyo Institute of Technology in Giappone, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista

View original post 710 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.