Medioevo: l’amore per le pellicce potrebbe aver diffuso la lebbra

OggiScienza

È possibile che la lebbra nel medioevo abbia proliferato nell’Inghilterra Sud-orientale a causa dei contatti con costose pellicce e carne di scoiattolo, che venivano commerciati dai vichinghi.

SCOPERTE – La popolarità delle pellicce di scoiattolo e della carne del piccolo mammifero, nel Regno Unito del Medioevo, potrebbe essere costata la lebbra a molte persone. È lo scenario presentato da un nuovo studio sul The Journal of Medical Microbiology, che ha trovato un ceppo di Mycobacterium leprae, l’agente eziologico della lebbra, nei resti del cranio di una donna. Ribattezzata “The Woman from Hoxne” (la donna di Hoxne) si tratta di uno dei sempre più numerosi casi di lebbra identificati dalle analisi sui resti umani nel territorio dell’Anglia orientale.

In base ai dati raccolti dagli scienziati questa regione – che comprende parte della contea di Cambridge, del Norfolk e del Suffolk – potrebbe essere stata l’epicentro di una grave…

View original post 642 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.