Dai polpi il materiale che cambia forma

OggiScienza

Il nuovo materiale è una sorta di ‘epidermide’ artificiale, morbida e piatta, in grado di imitare la struttura superficiale dell’ambiente fisico circostante proprio come fanno i polpi. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – La classe dei cefalopodi è uno dei gruppi animali di eccellenza nell’ispirare nuove tecnologie applicative sulla base della loro unica biologia e anatomia. L’ultimo ritrovato è un prototipo di un materiale elastico in grado di riprodurre con una fedeltà inedita le loro incredibili capacità mimetiche. Polpi e seppie sono infatti in grado di imitare non solo il colore degli sfondi naturali in cui si trovano a nascondersi, ma persino la ‘texture’ delle strutture con cui entrano in contatto. Prendendo ispirazione da questa particolare facoltà, un gruppo di ricerca della Cornell University guidato da James Pikul e Robert Shepherd è riuscito a realizzare un tessuto elastico in grado proprio di modificare la trama tridimensionale in modo programmabile. La descrizione…

View original post 339 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.