Sulle vie dell’alabastro

OggiScienza

L’industria dell’alabastro è diventata davvero importante in epoca più moderna per la prima volta in Inghilterra, dove le prime tracce di decorazioni di questo tipo risalgono al XII secolo. Crediti immagine: Wolfram Kloppmann/Louvre Museum, Sculptures Department

RICERCA – I materiali lapidei naturali hanno avuto nel corso dei secoli un ruolo fondamentale in arte e in architettura. Per la decorazione di chiese, monumenti e edifici comuni, per la produzione di statue, vasi, manufatti e fregi di diverse dimensioni e forma, gli artisti hanno avuto a disposizione una grande varietà commerciale di pietre ornamentali.
Tra queste, l’alabastro è stato a lungo una delle prime scelte degli scultori medievali e rinascimentali di tutta Europa, in gran parte per la produzione di arte sacra.

L’alabastro, infatti, è un materiale tenero, facile da lavorare, traslucido, e si presta molto bene per la policromia, consentendo una finezza di dettagli che altre pietre non riescono a…

View original post 1.402 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.