Lenti, argenti e cicaline

OggiScienza

I brocosomi sintetici realizzati per creare un materiale antiriflesso. Crediti immagine: Shikuan Yang, Birgitt Boschitsch

SCOPERTE – Quando si va dall’ottico per fare un paio di occhiali nuovi, si possono scegliere lenti con trattamento antiriflesso: si tratta di una sottile pellicola, di solito a base di fluoruro di magnesio, applicata sulla superficie, che aiuta ad avere una visione più nitida eliminando le immagini parassite, cioè i riflessi che si formerebbero sulle due superfici della lente peggiorando la qualità della visione.

Nella lotta ai riflessi inutili nonché dannosi si inserisce il lavoro di un gruppo di ricercatori della Pennsylvania State University che ha realizzato in laboratorio un materiale antiriflesso di nuova concezione: assorbe più del 99% della luce, eliminando quasi del tutto la luce riflessa. La ricerca è pubblicata su Nature Communications: il materiale è composto da piccolissime sfere di argento, di circa due micrometri di diametro (un…

View original post 825 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.