Asciutti come una mosca d’acqua salata

OggiScienza

La “mosca d’acqua salata” crea una bolla d’aria intorno al suo corpo, che la isola dall’acqua che la circonda. Crediti immagine: PNAS

ANIMALI – Il lago Mono è un lago alcalino situato in California, poco a est dei confini del Yosemite National Park. In quest’area è possibile osservare un gran numero di mosche che si tuffano nelle salatissime acque del lago per depositare e nutrire le uova e ne riemergono completamente asciutte. Il fenomeno era già noto, tanto che più di un secolo fa Mark Twain descrisse questa curiosa capacità delle mosche che popolano il lago Mono nel suo libro Roughing It (in Italia è stato tradotto e pubblicato da Adelphi con il titolo In cerca di guai). Nel suo diario di viaggio, l’autore americano illustra come

puoi tenerle sotto all’acqua quanto a lungo vuoi – a loro non importa – ne sono addirittura orgogliose. Quando le lasci…

View original post 468 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.