Che fine ha fatto tutta l’acqua su Marte?

OggiScienza

Un confronto tra l’attuale superficie di Marte, arida e asciutta, e lo stesso paesaggio coperto di acqua, 3,5 miliardi di anni fa. Crediti immagine: Jon Wade

SCOPERTE – Una domanda tormenta gli scienziati da quando è iniziata l’esplorazione di Marte, che si è rivelato un mondo di acqua simile alla Terra prima di diventare un inospitale e desertico pianeta rosso: che fine ha fatto tutta l’acqua che era in superficie? Dispersa nello spazio dopo che un evento catastrofico ha fatto collassare il campo magnetico del pianeta, oppure spazzata via dai potenti venti solari ad alta intensità o ancora intrappolata come ghiaccio sotto la superficie marziana. Queste solo alcune delle ipotesi proposte, che non riescono comunque a spiegare dove sia finita tutta l’acqua.

A offrire una risposta che sembra essere valida è lo studio condotto da Jon Wade, ricercatore del Department of Earth Science di Oxford e i cui risultati…

View original post 852 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.